Zombie Army 4: Dead War, spedisci di nuovo i nazisti all’inferno

Zombie Army 4: Dead War, spedisci di nuovo i nazisti all’inferno

Zombie Army 4: Dead War è un videogioco in terza persona,  sviluppato e pubblicato dalla casa produttrice Rebellion Developments. Il gioco è il sequel di Zombie Army Trilogy, a sua volta è anche lo spin-off della serie di Sniper Elite.

Il titolo è stato rilasciato il 4 Febbraio 2020 per PC e console, ma da questo mese, cioè Maggio, è disponibile anche per Google Stadia. Il gioco è ambientato un anno dopo la sconfitta di Hitler che negli eventi della saga è stato bandito dall’inferno.

Modalità di gioco di Zombie Army 4: Dead War

Zombie Army 4: Dead War utilizza meccanismi simili a Sniper Elite in quanto il giocatore è incoraggiato ad affrontare i nemici da lontano con il fucile da cecchino invece di attaccarli frontalmente.

Tuttavia questo gioco adotta un game design più lineare, con un focus ridotto sulla furtività a favore di un approccio orientato all’azione. Il gioco è ambientato in una versione alternativa della Seconda Guerra Mondiale ecco perché l’arsenale a disposizione può sembrare “antico”.

Il giocatore può utilizzare vari tipi di esplosivo, tra cui granate standard, mine tripwire e dinamite. Un’altra meccanica di gioco, risulta essere evidente quando si usa il fucile da cecchino. Bisognerà calcolare alcuni elementi come la direzione e la forza del vento e la caduta del proiettile, visto che possono influenzare il percorso del proprio sparo.

I proiettili poi, possono rimbalzare su superfici o bersagli e colpire i nemici riuscendo a fare fantastiche combo per far aumentare il punteggio. Il giocatore può anche trattenere il respiro per stabilizzare il tiro e determinare con maggiore precisione la direzione in cui viaggerà il proiettile.

Menzione speciale per la funzione X-Ray Kill Cam. Si tratta di una vera chicca che si attiverà quando si effettua un colpo perfetto: la telecamera seguirà il proiettile dal fucile di precisione al bersaglio al rallentatore, e all’impatto rivelerà la parte del corpo colpita e il danno che il proiettile provoca agli organi e alle ossa.

Alcuni oggetti innescano un’esplosione quando vengono colpiti e questo fattore può essere usato a vantaggio del giocatore contro le orde di zombi.

Il gioco terrà conto anche dei colpi notevoli effettuati da lontano e li conteggerà come se fossero degli headshot. Tutti questi fattori possono dare punti extra facendo aumentare il punteggio; dunque, i giocatori dovranno sempre osare e ciò alzerà il livello di sfida del passatempo divertente.

Infine, è prevista anche una modalità multiplayer che aumenta il divertimento e la possibilità di fare combo straordinarie.

Pro e contro del gioco

I pro del gioco sono:

  • Ore di divertimento assicurate in multiplayer
  • Graficamente migliore rispetto agli altri capitoli della saga
  • Gameplay vario con diverse possibilità di uccisioni

I contro del gioco sono:

  • Storia o trama praticamente assente
  • Nessun doppiaggio in italiano
  • Scenari mediocri

Commento finale sul gioco

Zombie Army 4: Dead War presenta delle migliorie varie e può essere considerato il miglior titolo della serie, uno sparatutto in terza persona giocabile sia in cooperativa che da soli. Il gameplay è molto ricco oltre ad essere divertente.

La cosa che fa storcere il naso sono gli scenari un po’ penosi e la mancanza del doppiaggio in italiano. Inoltre, chi desidera giocare ad un videogioco con una trama solida rimarrà davvero deluso: non esiste affatto! (e se hai notato, non ho inserito neanche una sezione al riguardo!)

Ad ogni modo, si tratta di un buon TPS, ideale per chi vuole giocare senza troppi pensieri e mandare i nazisti all’inferno!

Voto finale: 7 su 10

Bellux95

Bellux95

Grande appassionato di videogiochi da 10 anni ormai, cerco sempre di tenermi aggiornato sul mondo digitale. Stadia rappresenta una grande innovazione per me, il futuro del gaming e sono felice di poter scoprire insieme a voi le ultime novità al riguardo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa cookie di profilazione anche di terzi. Per maggiori o per gestire il consenso Clicca qui.