Metro Exodus: sopravvivere nella metropolitana non è mai stato così difficile

Metro Exodus: sopravvivere nella metropolitana non è mai stato così difficile

Metro Exdous è un videogioco di genere avventura dinamica FPS (First-Person Shooter), sviluppato da 4A Games. Il titolo è disponibile per console di ottava generazione, PC e Google Stadia. Si tratta del terzo capitolo della serie di Metro, preceduto da Metro: Last Light e Metro 2033.

Trama del gioco

Il gioco è ambientato nel 2036, due anni dopo gli avvenimenti di Metro: Last Light, su una Terra post-apocalittica distrutta da una guerra nucleare 23 anni prima. Come nei precedenti capitoli il giocatore vestirà i panni di Artyom, personaggio che riesce a fuggire dalla metropolitana di Mosca con l’Ordine degli Spartani, Miller e Anna, ora sua moglie, a bordo di una locomotiva di nome “Aurora”, in un viaggio che toccherà tutti gli angoli del continente, alla ricerca di risposte sull’esito della guerra e sullo stato della nazione.

Dopo l’attacco al bunker D6, Artyom decide di lasciare l’Ordine degli Spartani, dal momento che trova troppa corruzione in essa. In poco tempo diventa ossessionato dal provare che esistono sopravvissuti al di fuori di Mosca e nonostante la preoccupazione di Anna e la disapprovazione di Miller, prende parte a numerose spedizioni in superficie.

Durante una di queste insieme ad Anna vede da lontano un treno merci che viaggia spedito. Prima di raggiungerlo vengono catturati da dei soldati dell’Hansa, insieme a dei fuggitivi che dichiarano di provenire da territori fuori della capitale russa.

I soldati uccidono le due persone, e catturano Anna, mentre Artyom viene sparato. Sopravvissuto all’esecuzione, Artyom inseguirà i soldati nemici, cercherà di liberare sua moglie ma soprattutto cercherà di scoprire la verità in merito al mondo esterno, evitando l’isolamento all’interno della città russa.

Modalità di gioco Metro Exodus: un gameplay interessante e differente dal classico FPS

Metro Exdous è un videogioco sparatutto in prima persona come accennato in precedenza. Ci saranno delle azioni frenetiche dove si dovranno combattere i nemici ed utilizzare i propri riflessi per sopravvivere.

Allo stesso tempo, nel gioco sono presenti numerose dinamiche stealth ed addirittura elementi che collocano il titolo nella categoria Survival Horror. Ciò rende l’esperienza di gioco particolarmente piacevole e mai banale

Collocato nel deserto post-apocalittico dell’ex Federazione Russa, il giocatore si trova ad affrontare nuove minacce e combattere creature mutanti e umani ostili con un arsenale creato grazie ad un sistema di crafting.

Il titolo presenta anche una combinazione di livelli lineari e ambienti sandbox. Inoltre, include anche un sistema meteorologico dinamico, un ciclo giorno-notte e luoghi che cambiano con le stagioni man mano che la storia avanza.

Qualcosa da ridire sulla grafica del gioco, non eccezionale, anzi a volta quest’elemento lascia davvero a desiderare. Da rivedere anche l’IA dei nemici.

Pro e contro di Metro Exodus

I pro sono:

  • FPS originale con numerosi elementi
  • Sistema di crafting accattivante
  • Bella la variazione degli ambienti di gioco

I contro:

  • IA carente
  • Grafica non eccezionale

Metro Exodus: commento finale

Metro Exodus è piacevole, dall’inizio alla fine nel suo arco narrativo è ricco di colpi di scena, ma il gioco è carente sotto il punto di vista dell’intelligenza artificiale e per la grafica scadente a volte. Tuttavia, rimane un ottimo gioco da scoprire, in particolar modo per coloro che amano le campagne single player.

Voto finale: 7 su 10

Bellux95

Bellux95

Grande appassionato di videogiochi da 10 anni ormai, cerco sempre di tenermi aggiornato sul mondo digitale. Stadia rappresenta una grande innovazione per me, il futuro del gaming e sono felice di poter scoprire insieme a voi le ultime novità al riguardo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa cookie di profilazione anche di terzi. Per maggiori o per gestire il consenso Clicca qui.