Telegram
Gruppo FB

FIFA 22: Cos’è l’HyperMotion e perché è su Stadia e non su PC

FIFA 22: Cos’è l’HyperMotion e perché è su Stadia e non su PC

Un paio di giorni fa Electronic Arts ha svelato i nuovi dettagli su FIFA 22, che arriverà anche su Stadia al Day 1 nella versione next-gen. La novità principale di questo nuovo capitolo è l’introduzione della tecnologia HyperMotion, disponibile solo nella versione next-gen del gioco e quindi su PlayStation 5, Xbox Series X|S e Google Stadia, riservando invece agli utenti PC la versione base.

Inutile dire che sul web gli utenti PC si sono scagliati contro EA per averli privati della versione next-gen, che grazie all’HyperMotion rende il gioco ancora più realistico. Andiamo quindi a vedere più nel dettaglio come funziona questa nuova tecnologia e perché sarà disponibile su Stadia, “a discapito” degli utenti PC.

FIFA 22 – HyperMotion su console next-gen e Stadia

La nuova tecnologia che renderà unica la versione next-gen di FIFA 22 si chiama HyperMotion, ma come funziona?

EA ha vestito 22 giocatori professionisti con delle speciali tute nere (vestiti Xsens) che raccolgono i movimenti dei giocatori impegnati in una partita ad alta intensità. L’algoritmo di apprendimento automatico, proprietario di EA, apprende poi i movimenti da oltre 8,7 milioni di fotogrammi, scrivendo nuove animazioni in tempo reale che creano movimenti calcistici organici attraverso una varietà di interazioni sul campo.

Il tutto sarà accompagnato da una IA più intelligente e più tattica che genererà controlli migliorati per la gestione e il controllo della palla, colpi di testa e miglioramenti al comportamento dei giocatori in relazione all’ambiente. Per finire anche il comportamento dei portieri sarà migliorato, per portare FIFA 22 ad un livello ancora più alto di realismo.

Tutto questo, come abbiamo già detto, sarà disponibile su PS5, Xbox Series X|S e Stadia, ma non su PC! Se vi state chiedendo il motivo di tutto ciò niente paura, EA è intervenuta direttamente!

Aaron McHardy, produttore esecutivo, ha risposto alle domande di Eurogamer.net affermando che la scelta è stata presa dopo aver valutato i risultati di alcune analisi condotte sulla capacità hardware dei PC dei fan del titolo. Ne è venuto fuori che per portare la versione next-gen anche su PC avrebbero dovuto tagliare fuori troppe persone, grazie ai requisiti minimi che in troppi casi non sarebbero stati soddisfatti.

Stadia finalmente si avvicina alle console di nuova generazione

Google Stadia offre 10,7 TFLOPs, contro i 10,28 di PS5 e i 12 di Xbox Series X

Sei sei nuovo su Stadia potresti chiederti come faccia ad arrivare qui la versione next-gen di FIFA 22. Com’è possibile che questo titolo non possa girare su un certo PC nella sua versione specifica, ma possa invece girare al massimo delle prestazioni, sullo stesso PC, utilizzando Stadia!?

La risposta è molto semplice. I giochi di Stadia non girano sul proprio PC, Smartphone, Tablet o TV, ma sui Server Cloud di Google che hanno una potenza incredibile. Al giocatore viene poi inviato il flusso audio/video finale, permettendo quindi di far girare il gioco a qualsiasi dispositivo in grado di riprodurre un video con determinate caratteristiche.

Se avete quindi un PC e una connessione che vi permettono di riprodurre video in 4K, potrete godere dei giochi Stadia alla massima risoluzione, dato che tecnologie come l’HyperMotion non vengono elaborate dal vostro dispositivo, ma appunto dai Server Google che come abbiamo detto a voi mandano solo il risultato finale.

Perché allora molti giochi, come ad esempio Cyberpunk 2077, non sono arrivati su Stadia nella loro versione migliore?

Beh, questo è un problema legato principalmente agli sviluppatori! Al momento Stadia non ha un bacino di utenza così grande da invogliare le Software House a spendere tempo e denaro per sviluppare la versione dei giochi ottimizzata per la piattaforma di Google, ma come abbiamo visto le cose possono cambiare da un giorno all’altro!

Col passare del tempo saranno sempre di più i giocatori su questa piattaforma e quindi anche gli sviluppatori trarranno sempre più vantaggi portando i loro giochi di punta su Stadia, con le migliori caratteristiche. Inoltre la strada presa da EA potrebbe essere seguita anche da altri, rendendo possibile l’esecuzione di titoli next-gen anche su PC datati e con caratteristiche hardware che, senza Stadia, avrebbero impedito ai nuovi titoli di girare al massimo delle prestazioni.

Che dire? Ci complimentiamo con Electronic Arts per la scelta fatta, sperando che inizi a essere intrapresa anche da altri editori con i nuovi titoli che usciranno su Stadia! Il suo potenziale abbiamo visto che è immenso, ma solo grazie a queste notizie la piattaforma di Google potrà crescere in fretta, dando il benvenuto a tanti nuovi giocatori!

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments